Migliaia di clienti di LoveHolidays e OnTheBeach cercano rimborsi mentre ABBANDONANO l'ente del settore per evitare di pagare

MIGLIAIA di clienti di LoveHolidays e On The Beach sono stati lasciati a caccia di rimborsi per le vacanze dopo che le aziende hanno abbandonato un organismo del settore per le agenzie di viaggio.

I vacanzieri sono stati lasciati senza spese per i viaggi che non sono stati in grado di fare dopo che la loro destinazione è stata aggiunta alla lista dei non-go del Foreign and Commonwealth Office a causa del coronavirus.

⚠️ Leggi il nostro blog live sul coronavirus per le ultime notizie e aggiornamenti





1

I clienti di LoveHolidays e On The Beach sono stati lasciati a caccia di rimborsi per le vacanze dopo che le aziende hanno lasciato il loro corpo industrialeCredito: Getty - Collaboratore

Se il governo cambia il suo consiglio di viaggio in un paese e hai prenotato un pacchetto turistico, entrambe le aziende avevano precedentemente concordato di emettere rimborsi in base alle regole stabilite dall'Associazione degli agenti di viaggio britannici (ABTA).



Ma venerdì On The Beach si è dimesso da membro ABTA dopo aver rifiutato per mesi di rimborsare i clienti interessati.

Nel frattempo, anche oggi LoveHolidays si è dimessa come membro ABTA, accusando opinioni contrastanti su cancellazioni e rimborsi.

Significa che le aziende di vacanza non sono più sottoscritte al codice di condotta che impone alle aziende di rimborsare i clienti se la consulenza di FCO alla loro destinazione cambia.



JULIE Linstead, 50 anni, di Wanstead, Londra, sta lottando per recuperare £ 1.100 da On The Beach per i voli Ryanair per Lanzarote.

La mamma di tre figli doveva recarsi alle Isole Canarie per una vacanza di otto giorni il 5 agosto con suo figlio Luke, 14 anni, il suo compagno Andrew Alefounder, 53 anni, e sua figlia Jessica, 16.

Ma la famiglia non ha viaggiato dopo che l'FCO ha sconsigliato tutti i viaggi tranne quelli non essenziali nelle isole spagnole il 27 luglio, una settimana prima della loro vacanza.

Julie ha detto a The Sun: On The Beach è stato un incubo. Ho inviato loro un'e-mail e continuano a rifiutarsi di rimborsarci.

Non potevo passare le due settimane in isolamento perché lavoro in una scuola, quindi abbiamo deciso di non andare.'

Julie è stata rimborsata £ 1.306 per il suo hotel e le spese di trasporto, ma l'azienda si rifiuta di rimborsare le ulteriori £ 1.100 che ha pagato per i voli.

Ora ha pagato £ 70 per portare On The Beach al tribunale per le controversie di modesta entità per recuperare il resto dei suoi soldi e dovrebbe ricevere una risposta il 28 settembre.

La politica delle due aziende è di rimborsare i clienti solo per i voli che vogliono cancellare se e quando riceve il denaro dalle compagnie aeree.

Laddove le compagnie aeree continuano a operare voli, la maggior parte rifiuta i rimborsi in contanti.

Sia LoveHolidays che On The Beach hanno affermato che tutti i pacchetti vacanze rimangono finanziariamente protetti dallo schema ATOL dopo le dimissioni.

Ciò significa che sarai rimborsato se una delle aziende fallisce, ma non copre i rimborsi per le modifiche alle regole di quarantena.

Le regole di settore stabilite da ABTA sono state messe in atto per proteggere i clienti.

Se i clienti si recano in paesi nell'elenco vietato dall'FCO, è probabile che la loro assicurazione di viaggio non sia valida e dovrebbero essere messi in quarantena al loro ritorno.

Se stai ancora cercando un rimborso, spieghiamo le tue opzioni nella casella sottostante.

Le dimissioni dell'ABTA arrivano dopo che The Sun ha riportato On The Beach e LoveHolidays alla Competition and Markets Authority (CMA) e all'ABTA a luglio.

L'ABTA ha cercato di collaborare con On The Beach per risolvere i reclami sui rimborsi, ma poiché si è dimessa come membro, non può più occuparsi di questi casi.

Il settore dei viaggi è stato duramente colpito dalla crisi del coronavirus, causando migliaia di perdite di posti di lavoro e ritardi per i clienti che chiedono rimborsi.

La CMA ha già scritto alle aziende di viaggi di pacchetto per avvertirle di ritardare i rimborsi mentre ha avviato un'indagine nel settore.

Qualsiasi azienda che non rispetta la legge sui consumatori potrebbe essere soggetta ad azioni esecutive e questo include essere costretta a rimborsare i clienti.

All'inizio di oggi, Tui ha promesso che rimborserà i clienti entro la fine del mese dopo che migliaia di vacanzieri si sono lamentati con la CMA.

Un portavoce di LoveHolidays ha dichiarato a The Sun: 'L'attuale legislazione sui pacchetti turistici non è mai stata progettata per affrontare le interruzioni della portata che abbiamo visto da marzo 2020.

'Purtroppo, a causa delle nostre opinioni divergenti sulla posizione legale in materia di cancellazioni e rimborsi, abbiamo deciso che non è più possibile per LoveHolidays rimanere un membro dell'ABTA.

'Riteniamo che la priorità per tutti nel settore dei viaggi dovrebbe essere quella di trovare una soluzione praticabile ed equa per aiutare i turisti a recuperare i propri soldi il più rapidamente possibile.

'L'accelerazione del processo di rimborso per le compagnie aeree deve essere una parte fondamentale di questa soluzione e invitiamo l'intero settore a concentrarsi sulla collaborazione per renderlo possibile'.

Un portavoce dell'ABTA ha dichiarato a The Sun: 'LoveHolidays ha scelto di dimettersi dall'appartenenza all'ABTA a seguito delle discussioni in corso sui rimborsi dovuti ai clienti quando il consiglio del Foreign Office cambia per sconsigliare tutti, o quasi, i viaggi verso una destinazione.

'ABTA è ferma nella sua posizione che la pratica di vecchia data di offrire un rimborso completo quando il Ministero degli Esteri sconsiglia il viaggio è ancora valida.'

Nel frattempo, un portavoce di On the Beach ha affermato di non essere 'in grado di allinearsi' con la posizione dell'ABTA sui rimborsi completi a seguito della pandemia.

Ha aggiunto: 'Le nostre dimissioni non lasciano i clienti non protetti se annullano la loro vacanza, né significa che i nostri clienti non hanno mai diritto a un rimborso completo.

'Tutti i pacchetti vacanza sono protetti da ATOL e PTR [regolamenti sui pacchetti turistici] e abbiamo un processo in atto per valutare tutte le richieste di cancellazione caso per caso per stabilire in che misura la loro vacanza è influenzata dai consigli dell'FCDO, con i rimborsi elaborati di conseguenza .'

Centinaia di clienti On The Beach sono rimasti furibondi dopo le prenotazioni di hotel per le vacanze in Spagna e Grecia sono stati cancellati a luglio, ma i loro voli erano ancora in corso.

I passeggeri all'epoca dissero che era 'impossibile' contattare il sito web del pacchetto turistico per sapere se avrebbero avuto un alloggio quando arriveranno a destinazione.

Gruppo di consumatori Quale? ha anche riferito di come anche i clienti di Loveholidays si siano presentati in hotel chiusi o siano stati lasciati all'oscuro dei viaggi.

Thomas Cook rilancia da oggi il sito di prenotazione delle vacanze